Sapere come funziona la misurazione e cosa fa ciascuna delle modalità di misurazione è importante nella fotografia.

Che cos'è la misurazione?

La misurazione è il modo in cui la tua fotocamera determina quale dovrebbe essere la velocità dell'otturatore e l' apertura corrette , a seconda della quantità di luce che entra nella fotocamera e dell' ISO . Ai vecchi tempi della fotografia, le fotocamere non erano dotate di un "esposimetro", che è un sensore che misura la quantità e l'intensità della luce. I fotografi dovevano utilizzare esposimetri manuali per determinare l'esposizione ottimale. Ovviamente, poiché il lavoro è stato girato su pellicola, non hanno potuto visualizzare in anteprima o vedere immediatamente i risultati, motivo per cui si sono affidati religiosamente a quegli esposimetri.

Oggi, ogni DSLR ha un esposimetro integrato che misura automaticamente la luce riflessa e determina l'esposizione ottimale. Le modalità di misurazione più comuni nelle fotocamere digitali oggi sono:

  • Matrix (Nikon), noto anche come misurazione valutativa (Canon)
  • Misurazione ponderata al centro
  • Misurazione spot
  • Alcuni modelli Canon EOS offrono anche la "misurazione parziale", che è simile alla misurazione spot, tranne per il fatto che l'area coperta è più ampia (circa l'8% dell'area del mirino vicino al centro rispetto al 3,5% della misurazione spot).

    Icone di misurazione dell'esposizione

    Matrix (NIkon) / Misurazione valutativa (Canon)

    La modalità di misurazione Matrix o Misurazione valutativa è la modalità di misurazione predefinita sulla maggior parte delle reflex digitali. Funziona in modo simile all'esempio precedente dividendo l'intero fotogramma in più "zone", che vengono quindi tutte analizzate su base individuale per i toni chiari e scuri. Uno dei fattori chiave (oltre al colore, alla distanza, ai soggetti, alle alte luci, ecc.) che influenza la misurazione matrix, è il punto di messa a fuoco della fotocamera. Dopo aver letto le informazioni da tutte le singole zone, il sistema di misurazione osserva il punto in cui hai messo a fuoco all'interno dell'inquadratura e lo contrassegna come più importante di tutte le altre zone. Ci sono molte altre variabili utilizzate nell'equazione, che differiscono da produttore a produttore. Nikon, ad esempio, confronta anche i dati dell'immagine con un database di migliaia di immagini per il calcolo dell'esposizione.

    Cattedrale di Valencia
    Cattedrale di Valencia

    Dovresti usare questa modalità per la maggior parte delle tue fotografie, poiché generalmente farà un buon lavoro nel determinare l'esposizione corretta. Lascio la modalità di misurazione della fotocamera sulla misurazione matrix per la maggior parte delle mie esigenze fotografiche, inclusa la fotografia di paesaggi e ritratti.

    Misurazione ponderata al centro

    L'utilizzo dell'intero fotogramma per determinare l'esposizione corretta non è sempre auspicabile. Cosa succede se stai cercando di scattare una foto alla testa di una persona con il sole alle spalle? È qui che torna utile la misurazione ponderata centrale. La misurazione ponderata centrale valuta la luce al centro dell'inquadratura e l'ambiente circostante e ignora gli angoli. Rispetto alla misurazione Matrix, la misurazione ponderata centrale non guarda al punto AF selezionato e valuta solo l'area centrale dell'immagine.

    Ritratto Donna

    Usa questa modalità quando vuoi che la fotocamera dia la priorità al centro dell'inquadratura, che funziona benissimo per i ritratti ravvicinati e i soggetti relativamente grandi che si trovano al centro dell'inquadratura. Ad esempio, se stavi scattando una foto alla testa di una persona con il sole dietro di lei, questa modalità esporrebbe correttamente il viso della persona, anche se tutto il resto probabilmente sarebbe fortemente sovraesposto.

    Misurazione spot

    La misurazione spot valuta solo la luce intorno al punto di messa a fuoco e ignora tutto il resto. Valuta una singola zona/cella e calcola l'esposizione in base a quella singola area, nient'altro. Personalmente uso questa modalità per fotografare uccelli, perché gli uccelli occupano principalmente una piccola area dell'inquadratura e devo assicurarmi di esporli correttamente, indipendentemente dal fatto che lo sfondo sia chiaro o scuro. Poiché la luce viene valutata dove posiziono il mio punto di messa a fuoco, posso ottenere un'esposizione accurata sull'uccello anche quando l'uccello si trova nell'angolo dell'inquadratura. Inoltre, se stavi scattando una foto di una persona con il sole alle spalle ma che occupava una piccola parte dell'inquadratura, è meglio utilizzare invece la modalità di misurazione spot. Quando i tuoi soggetti non occupano molto spazio, utilizzando le modalità di misurazione Matrix o Ponderata al centro molto probabilmente si otterrà una silhouette, se il soggetto era in controluce. La misurazione spot funziona alla grande per soggetti in controluce come quelli.

    Ritratto Donna

    Un altro buon esempio di utilizzo della misurazione spot è quando si fotografa la Luna . Poiché la luna occuperebbe una piccola porzione dell'inquadratura e il cielo è completamente buio intorno ad essa, è meglio usare la misurazione Spot: in questo modo, osserviamo solo il livello di luce proveniente dalla luna e nient'altro.

    Come modificare la modalità di misurazione della fotocamera

    Sfortunatamente, questo varia non solo da produttore a produttore, ma anche da modello a modello. Sulla Nikon D5500, ad esempio, avviene tramite l'impostazione del menu (pulsante Info). Sulle fotocamere professionali come Nikon D810 e Nikon D5, è presente un pulsante separato sul quadrante in alto a sinistra per la misurazione della fotocamera. Anche la modifica della misurazione sulle fotocamere Canon varia da modello a modello, ma generalmente viene eseguita tramite una combinazione di tasti (pulsante "Imposta"), menu della fotocamera o un pulsante di misurazione dedicato vicino al display LCD superiore.

    Spero che tu abbia trovato utile questo articolo.
    Grazie e alla prossima